Roberta Mandelli

Amore per l’arte e per i viaggi

Sin da quando, ancora ragazzina, Roberta ha scoperto la passione per il teatro, non l’ha più lasciata. Le piace viaggiare ed ha creato in QVC delle solide amicizie che sono diventate compagne di viaggio… sia verso mete lontane, sia nell’esperienza di lavoro che condividono ogni giorno.

Come sei arrivata in QVC?
Da attrice di teatro mi sono sempre tenuta aggiornata sui casting presenti in zona. Su internet avevo visto questa possibilità e così ho deciso di fare il primo provino, che per fortuna è andato bene, così come il secondo.
Ti racconto un aneddoto: per il terzo provino mi hanno chiesto di portare da casa un oggetto da presentare e quindi ho staccato la macchinetta del caffè che avevo in cucina, scollegando tutte le prese e le spine provocando l'ira del mio il mio fidanzato dell'epoca, che aveva pazientemente fatto tutti i collegamenti. All’inizio di questa esperienza ero molto titubante, anche perché non avevo mai considerato l’idea di diventare presentatrice, poi mi sono lasciata convincere dalla serietà della struttura. Dopo i tre casting, infatti, abbiamo affrontato alcuni mesi di training in cui ci siamo preparati alla diretta. È stato bello partire tutti insieme e il clima umano che si è creato tra di noi è stato una componente fondamentale nella mia decisione.

Com’è l’impatto con la diretta?
Non avendo mai fatto la presenter prima, le prime volte c’era un po’ di tensione, soprattutto perché io penso sempre di “dovere fare bene il mio dovere”, e questo mi irrigidisce un po’. Adesso invece mi diverto, mi piace spiegare e raccontare i prodotti nei miei show. Il mio momento preferito è quando devo presentare le candele profumate, anche perché sono proprio buone! Poi mi piacciono le telefonate in diretta, perché percepisci che stai parlando davvero a qualcuno, che c’è chi ti ascolta.


Ti ricordi qualche aneddoto, qualche episodio buffo successo in diretta?
Sicuramente ce ne saranno a migliaia. Una su tutte: ho iniziato una diretta dicendo “pronto”. Il line producer (chi aggiorna il presenter tramite auricolare) mi stava parlando e il mio cervello, non so perché, deve aver pensato che ci fosse una telefonata e ho iniziato dicendo “pronto! Sono Roberta, stiamo iniziando questa ora insieme…” e pensato subito dopo “c’è qualcosa che non va”. Poi però gli episodi sono davvero tanti, chi ci segue da casa deve solo prestare attenzione!

Cosa facevi prima di arrivare in QVC?
Come ti ho già anticipato il teatro è la mia grande passione: l’ho scoperto al liceo, pensa che avevo scelto lo scientifico perché volevo fare economia. Invece mi sono innamorata subito della recitazione e mi ha dato tantissime soddisfazioni. Con la mia compagnia ho messo spesso in scena spettacoli di drammaturgia contemporanea basati su tematiche sociali. Tra questi, nel 2007 abbiamo vinto il premio messo in palio dal CESVI, un’Onlus di livello internazionale, con “Baby”, scritto da mia sorella Daniela – che è scrittrice - per il progetto Virus Free Generation contro la diffusione dell’AIDS in Africa.    

C’è qualcos’altro che ti piace fare?
Suono il clarinetto, ho iniziato nella banda del mio paese e mi piace molto la musica infatti quando posso vado a sentire dei concerti. Amo moltissimo il cinema, e sono un'assidua frequentatrice delle sale cinematografiche. E poi sono dipendente da alcune serie tv americane tanto che a volte quando ne inizio una nuova resto sveglia la notte per finirla: ho visto tutto Lost in 3 settimane!
Mi piacciono in realtà tutti i film, ho una vera e propria debolezza per le commedie romantiche americane a volte penso di averle viste tutte. Quando sono giù di morale scrivo “commedia romantica americana” su internet e mi intristisco ancora di più perché le conosco già tutte!

 

 

 

So anche che ti piace viaggiare…
Sì, ora che ho finalmente il tempo e i mezzi per farlo ho scoperto che viaggiare è bellissimo: sono andata in Messico, a New York, a Cuba ma nell'ultimo anno sto riscoprendo l'Europa con le sue bellissime città, una su tutte Berlino!

Ci anticipi la tua prossima meta? 

A me piacerebbe… il giro del mondo?

 

Rivelaci allora qualcosa della tua vita personale…
Vivo sola, anzi, con la mia gatta Polanka: è una crasi del nome del cantante, mi sembra che così assuma il fascino di un nome da zarina russa.

Hai un messaggio per i nostri clienti? 
Ricordatevi ogni tanto di prendervi del tempo per voi stesse.