La scimmietta Kipling: una testimonial d’eccezione per saperne di più


Ci racconti qualcosa dell’origine di Kipling?

Kipling nasce nel 1987 ad Anversa, capitale belga della moda conosciuta per la sua spinta all’innovazione e all’avanguardia stilistica, da un’idea di tre intraprendenti amici che decisero che era arrivato il momento di scuotere il mondo del fashion: Vincent Haverbeke, Xavier Kegels e Paul Van De Velde. Il loro obiettivo era creare borse resistenti e di qualità ma al tempo stesso inconfondibili, divertenti e colorate. Ma i tre vennero aiutati da un “fortunato incidente”…

Dicci di più!


Che ci crediate o no, fu un errore nel processo di tintura che creò il look Kipling quando, un pomeriggio, la tintura si surriscaldò e il nylon rimase spiegazzato. Questo “fortunato incidente” creò quell’inimitabile look Kipling che noi oggi conosciamo e amiamo. Alla Kipling, possiamo ricostruire il nostro successo fino alle origini modeste, attraverso storie come questa che ci fanno sorridere.

E il nome?


I tre fondatori volevano un nome facile da pronunciare in qualunque lingua, che non assumesse connotazioni impreviste e al tempo stesso comunicasse un immediato senso dell’avventura.

Qual è, quindi, la filosofia di Kipling?


Kipling è un modo di essere, appartiene allo spirito globe-trotter che c’è in ogni donna: è casual ma elegante, alla moda ma praticissima e organizzata. Con una borsa Kipling si esprime una personalità al di fuori delle mode del momento, in ogni istante della giornata, dal lavoro, al tempo libero, al viaggio.

Ma ora parliamo di te… chi sei veramente?


Io? Sono una, nessuna e centomila! Infatti ogni collezione ha la sua propria unica scimmietta il cui nome è quello di qualche dipendente Kipling nel mondo. Ogni stagione ci sono fino ad 80 scimmiette uniche con una varietà di nomi e colori, il che significa che sono diventata un vero e proprio pezzo da collezione! Perché proprio una scimmietta? Perché è un’associazione spontanea con il nome Kipling e racconta un brand anticonformista, che crea le mode piuttosto che interpretarle e che vuole sempre sorridere alla vita.

Hai qualche curiosità da raccontare alle tue fan?


Sì, che siete tantissime, in tutto il mondo! Oltre 40 milioni di persone, oggi, hanno una borsa Kipling: 6 milioni di nuove borse vengono vendute ogni anno, il che significa 23 borse al minuto. E vi dirò di più! In Belgio ci sono più scimmiette Kipling che abitanti...

E qualche consiglio pratico?


Ma certo! Le Kipling sono tutte resistenti e di qualità, ma se vuoi pulire la tua borsa in tessuto ti basterà passarla con un panno leggermente umido, senza immergerla in acqua. In caso di macchie resistenti, puoi pulire il tessuto con acqua, sapone neutro e l’uso di un panno o una spazzola a setole morbide. Per mantenere l’articolo sempre pulito è utile uno spray protettivo universale. Se la borsa in tessuto possiede delle applicazioni in pelle, evita di bagnare la pelle durante la pulitura. Che ne dici, può servire?

Un saluto a tutte le fan di Kipling?


Ciao, ci vediamo in giro per il mondo! Vi aspetto numerose per il prossimo show su QVC!